Ecco tutte le prove speciali del 2°Rally Parco Geominerario

Ecco tutte le prove speciali del 2°Rally del
Parco Geominerario della Sardegna

UNA GARA ESSENZIALE

Il lavoro della Mediterranean Team, quest’anno, ha cercato di proporre una gara essenziale, quindi togliendo qualsiasi “accessorio” inutile, dispersivo ed antieconomico. La lunghezza della gara è al di sotto dei 142 chilometri totali, a fronte dei quali ne saranno proposti 61,65 punteggiati dalle nove prove speciali. 


E’ possibile scaricare la tabella distanze tempi, cliccando sull’immagine

PS Guspini – Montevecchio

PS 1 – 4 – 7

Lunghezza Km 7,47
Comuni interessati: Guspini e Montevecchio

Prima parte molto guidata con il caratteristico passaggio attraverso la Miniera che poi porta a Montevecchio; una deviazione e una chicane all’interno del Borgo per poi immettersi nella SP66 con curve veloci e insidiose per oltre 3 Km



COORDINATE GPS START
39°33.442′ N – 8°35.355′ E

Il video


PS Guspini-Montevecchio


PS CORTES

PS 2 – 5 – 8

Lunghezza Km 5,78 
Comuni interessati: Arbus

Prova inedita con un percorso misto-veloce, che parte nei pressi della fonte di Santu Domini, poi su in salita, tra curve insidiose, allunghi e una chicane, fino alla SS 126: breve tratto nella Statale prima di immettersi nuovamente nella Strada Comunale verso Cortes. Un tratto veloce in discesa, seguito da uno in salita con alcuni tornanti, caratterizzano la parte finale della speciale che propone nella sua ultimissima fase un’altra chicane.

COORDINATE GPS START
39°30.819′ N – 8°34.808′ E

Il video


PS Cortes

PS ARBUS

PS 3 – 6 – 9

Lunghezza Km 7,53 
Comuni interessati: Arbus

La prova di “Arbus” viene confermata integralmente e sarà incrementata di ulteriori 450 metri, con una sorpresa sul finale: l’ultima chicane all’interno del centro abitato. Un percorso veloce (3 deviazioni e 3 chicane sul percorso), ma alcune curve insidiose e la carreggiata stretta, metteranno in difficoltà i partecipanti.



COORDINATE GPS START
39°31.924′ N – 8°33.682′ E

Il video


PS Arbus

Alcune immagini dell’edizione 2018